Premio Letterario Amarganta Edizione II: I finalisti

Amarganta è lieta di annunciare la cinquina finalista del premio Letterario Amarganta Edizione II. La terna vincitrice sarà dichiarata dalla giuria il 24 novembre 2016.

Codice Sorgente di Eva Serena Pavan
Il fruscio dell’essenziale di Liviana Ceccarelli
La collina dei girasoli di Lorena Marcelli
Sangue alieno di Monica Serra
Solo la verità di Michele Navarra

premioamargantafinalistiimmage2016

 

 

Codice Sorgente di Eva Serena Pavan

24_codicesorgente_evaseranapavan_self

Milano. Facoltà di informatica.
Quattro amici con la passione dei videogiochi e il sogno di sfondare, un giorno, all’Independent Games Festival.
Uno di loro, Fulvio, sembra a un passo dall’obiettivo: sta infatti iniziando il tirocinio in un’azienda di videogiochi. Fulvio è uno bravo, se si butta in un progetto lo realizza a perfezione. Ma oltre al tirocinio ci sono gli esami da finire, l’affitto da pagare in qualche modo e una storia nascente con una ragazza che forse è vera, forse no.
Quando la realtà non segue i programmi, è forte la tentazione di chiudersi in casa e inventarne una virtuale, dove gli esami si passano sempre… Ma in una situazione instabile, la tensione cresce e il rischio di crash incombe.
Tratto da una storia vera, lo scontro tra realtà e desideri, tra le proprie aspirazioni e le aspettative dei familiari porterà a un esito imprevedibile e a un finale che, come tutte le storie vere, resta sempre un po’ da scrivere.

 Il fruscio dell’essenziale di Liviana Ceccarelli

15_ilfrusciodellessenziale_livianaceccarelli_ibiskos

Meditazioni e appunti di viaggio in un deserto lungo una vita. Un percorso che va oltre l’oggi e all’oggi ritorna.
Una ricerca delle proprie radici a ritroso nel tempo che il tempo risale e in un cerchio si chiude, fino ad un vicino/lontano futuro che è già presente. Un filo d’inchiostro che accarezza il profilo delle emozioni e che si trasforma quando in preghiera, quando in dialogo. Descrizioni, tra dettagli e metafore, delineano figure senza nome che progettano la vita e rifiutano di subirne la corsa incessante.
Un’ immagine di donna che si vede bambina, ora sposa e ancora mente avanti con l’età. Solamente le date e i giorni dei capitoli scandiscono il tempo che scorre.
Un’altalena di contrapposizioni, dondolio devastante tra città e verde silenzioso, suono e pensieri, ansia e desiderata quiete, un  dentro/fuori l’anima accompagnato dal sottile e invisibile fruscio dell’essenziale, come dice il titolo, che accompagna sommesso ogni gesto. Un fruscio che è, insieme, spettatore e regista.
Immobili pagine di diario accolgono riflessioni, monologhi febbricitanti, tra silenzi e caos.

 La collina dei girasoli di Lorena Marcelli

14_lacollinadeigirasoli_lorenamarcelli_edizioniesordienti

Topazio, Perla, Giada e Ambra sono quattro sorelle, figlie di un orafo famoso, ma l’unica cosa che le accomuna davvero è di avere il nome di una pietra preziosa, perché sono molto diverse tra loro, e non si sopportano a vicenda; il padre muore prematuramente in un incidente e la madre, Luisa, una donna immorale e superficiale, è incapace di dare loro l’affetto di cui hanno bisogno. Le due sorelle maggiori diventano delle donne insicure, sentimentalmente fragili e insoddisfatte, mentre Giada e, in particolare, Ambra, più sensibili, conosceranno l’affetto materno della zia Elia, che vive in campagna e che accoglierà soprattutto Ambra ogni estate. In questo contesto sano e affettuoso la ragazza ritrova se stessa, decide cosa voler fare e conoscerà anche l’amore della sua vita.
Un romanzo delicato e profondo, sulle relazioni famigliari e sui sentimenti, sullo sfondo della campagna abruzzese.

Sangue alieno di Monica Serra

28_monicaserra_sanguealieno_diversasintonia

Sulla stazione orbitale OSS, l’officina di Roland è il posto in cui i viaggiatori intergalattici si fermano quando hanno bisogno di pezzi di ricambio. Dopo tanti anni, Lyna Konor sbarca nuovamente su OSS, con i ricordi di un passato che ancora brucia nel cuore e nell’anima. Questo è il racconto di quello che le accadde.

Solo la verità di Michele Navarra

34_michelenavarra_sololaverita_novecentoeditore

Roma. Seduta su una panchina Anna Narducci è finalmente felice. Accanto a lei L uigi, l’amore della sua vita, e una bimba in arrivo. Non immagina che di lì a po co dovrà lottare contro i fantasmi del suo burrascoso passato – di cui sarà vitt ima proprio sua figlia – che, implacabili, tornano per saldare i conti. Un legal thriller accattivante e travolgente, con protagonista l’imperfetto avvo cato Alessandro Gordiani, incaricato di difendere il dottor Rovaglia, accusato d i imperizia e negligenza dalla madre di Anna, donna tanto potente quanto pericol osa. Un processo lungo e complicato, senza esclusione di colpi, durante il quale Gordiani sarà costretto a giocare una delicata partita a scacchi con i suoi avv ersari. Fa da sfondo alla vicenda l’immutabile complessità di una città come Roma, viva e vivace ma al tempo stesso incredibilmente oscura e sporca. Con questo quarto romanzo, Michele Navarra conferma la sua capacità di raccontar e al lettore gli elementi e i protagonisti del processo penale italiano, senza m ai rinunciare al suo stile incalzante e a tratti visionario.

Premio Letterario amarganta Edizione II: i premi speciali

Premi speciali

Premio alla carriera
Mariangela Camocardi
Premio alla carriera
Stefano Pastor
Premio Special idea & cover
Baby boomers – Mario Pacchiarotti
Premio speciale Tra fiction e realtà
Calabria terra di passaggio – Pujia Domenico
Premio speciale In prima persona
Cronache urbane – Enrico Gianmarco
Premio speciale Short
Ali del Futuro – Monica Serra
Premio speciale migliore caratterizzazione di genere (4 – ex aequo)
Puzzle di Cuori – Ledra
Soccer town – Magrì Paolo Antonio
Tequila Suicide – Diandra Elettra Moscogiuri
Una questione di principio – Michele Navarra
Menzioni d’onore (3 – ex aequo)
All’ombra del suo corpo – Marco Minicangeli
Senza più paura – Roberto Fancello
Sotto la sabbia – Luca Masini
Premio speciale Romanzo evocativo
Conta su di me –  Nicolina Ros
Premio speciale Giovane talento
L’Ombra di Lyamnay – Annarita Faggioni
Premio speciale Amarganta team
Lettere fra l’erba – Clara Cerri
Premio speciale Scrivere Donna   
Volevo arrivare al mare –  Daria Romanini
Premio speciale Scrivere Uomo
Davide Rubini –  Il fischio finale
Premio speciale Storia Originale
Ricardo Y Carolina – Falcone & Costantini

 

Premio Alla carriera
Mariangela Camocardi

premiospecialeallacarrieradonna

 

 

 

 

 

 

 

Mariangela Camocardi, scrittrice dallo stile sofisticato e fruibile allo stesso tempo, è da anni una presenza fissa e irrinunciabile del panorama letterario italiano. Con le decine di pubblicazioni al suo attivo, Mariangela Camocardi spazia dal genere storico all’horror, women’s fiction e steampunk, favole e commedia romantica. Definita “La firma italiana che fa sognare”, come afferma lei stessa: “vale sempre la pena di credere nei propri sogni”.

Premio Alla carriera
Stefano Pastor

premiospecialeallacarrierauomo

 

 

 

 

 

 

 

Stefano Pastor, scrittore poliedrico e prolifico, si affaccia in età matura nel panorama letterario italiano recuperando rapidamente il tempo perso. È il felice interprete di sogni e incubi ma, soprattutto, simbolo di come il talento possa sposarsi con coraggio alla fiducia in se stessi. Un mix che lo ha reso emblematico sponsor di se stesso.

 

Premio speciale Romanzo evocativo
Conta su di me –  Nicolina Ros

premiospecialeromanzoevocativo

Conta su di me di Nicolina Ros è un romanzo che si avvale di una prosa dai toni evocativi. Incentrato sui sentimenti, il linguaggio appare estremamente  efficace nel dipingere una storia di amore e perdono, di sofferenza e forza d’animo.

 

Premio speciale Giovane talento
L’Ombra di Lyamnay – Annarita Faggioni

premiospecialegiovanetalento

Con L’Ombra di Lyamnay la Faggioni delinea un mondo originale in cui si dipana una trama articolata non priva di un certo spessore psicologico. Le descrizioni di fantascienza ispirate ai capisaldi del passato solidificano una storia dove nulla e nessuno può essere considerato scontato.

Premio speciale Scrivere donna    
Volevo arrivare al mare –  Daria Romanini

premiospecialescriveredonna

In Volevo arrivare al mare, Daria Romanini interpreta il disagio femminile connesso all’insoddisfazione. I social network e la chat diventano così lo strumento con cui Vanessa, moderna madame Bovary, reinterpreta un tentativo di fuga dalla realtà destinato a fallire ogni volta, spinta dall’illusione dell’amore, per fuggire la tristezza di giornate trascorse sognando un vita che non c’è.

 

Premio speciale Scrivere uomo  
Davide Rubini –  Il fischio finale

premiospecialescrivereuomo

Con il romanzo Il fischio finale, all’interno di una storia godibile e sfaccettata, Davide Rubini mette a fuoco una serie di personaggi maschili, evidenziandone in modo particolarmente efficace le caratteristiche psicologiche e umane. Nel confronto con se stessi così come nelle reciproche interazioni, vita privata e storia collettiva si mescolano producendo un ritratto avvincente e puntuale della società a cavallo degli anni ’90.

Premio speciale Storia originale
 Ricardo Y Carolina – Falcone & Costantini

premiospecialestoriaoriginale

Il mix tra il passato di Carolina e la sua avventura messicana in piena rivoluzione, lascia ampi spazi a una creatività dispiegata in un felice alternarsi di scenari e di stati d’animo. Il ritmo veloce, i dialoghi spiazzanti e l’ottica particolare con cui vengono inquadrati i protagonisti, creano una miscela originale capace di soddisfare le esigenze dei lettori più vari e disparati.

 

Premio speciale Amarganta team 
Lettere fra l’erba – Clara Cerri

premiospecialeamargantateam

Una trama complessa ed emozionante, due piani temporali che si alternano con felice sincronismo grazie a un espediente classico ma non alla portata di tutte le penne,  situazioni irrisolte che tornano alla ribalta trasformandosi in materia pulsante. I temi dell’amicizia e della depressione si fondono con il ritratto di una generazione e convergono nel profilo di Isabella grazie alla quale il passato torna vivido e come l’erba ondeggia sulla testa ascoltando il silenzio.

Premio Special idea & cover
Baby boomers – Mario Pacchiarotti

premiospecialeideaecover

Ironico e surreale, il romanzo si affida alle imprese di protagonisti controcorrente rispetto alle tendenze commerciali delineando un quadro pieno di atmosfera e di tensione. Uno sguardo divertito a un futuro improbabile che si ritrova nella cover, coerente e simpatica nei suoi toni di grigio, capace come poche di racchiudere l’essenza della storia.

Premio speciale Tra fiction e realtà
Calabria terra di passaggio – Pujia Domenico

premiospecialetrafictionerealta

Prendendo spunto da fatti di cronaca vera e di storia, l’autore imbastisce una trama densa di pathos. Il romanzo alimenta ulteriormente l’illusione di verosimiglianza avvalendosi di paesaggi suggestivi che nell’immaginario del lettore diventano con immediata naturalezza scenari realistici.

Premio speciale In prima persona
Cronache urbane – Enrico Gianmarco

premiospecialeinprimapersona

Cronache urbane offre uno spaccato attuale della periferia di Roma reso più vivido e avvolgente dall’uso della prima persona. Attraverso gli occhi e la voce del protagonista, prende così consistenza la tensione di chi cerca di porre rimedio alla propria precarietà accantonando delusioni e collezionando le contraddizioni della capitale senza tuttavia perdere la speranza nel futuro.

Premio speciale Short
Ali del Futuro – Monica Serra

premiospecialeshort

Pur nella brevità del narrato, Ali del futuro riesce a coinvolgere il lettore grazie al ritmo serrato, all’ambientazione originale e all’atmosfera complottistica. Il clima fantapolitico viene abilmente arricchito da temi secondari sapientemente dosati all’interno della trama.

 

Premio speciale migliore caratterizzazione di genere (4 – ex aequo)
Puzzle di Cuori – Ledra

premiospecialemigliorecaratterizzazioedigenere_01

Un romance ironico e leggero che si svolge in un audace scenario esotico. Il veloce ritmo narrativo accompagna nella lettura chi desidera evadere dalla realtà e immaginare che, nonostante le delusioni, l’amore esista davvero e i sogni possano avverarsi.

Premio speciale migliore caratterizzazione di genere (4 – ex aequo)
Soccer town – Magrì Paolo Antonio

premiospecialemigliorecaratterizzazioedigenere_02

Un techno thriller dal ritmo incalzante denso di colpi di scena, immerso in un mondo del futuro dominato da un equilibrio apparente. Gli eventi si susseguono precipitando il protagonista sulle tracce di un famoso calciatore la cui sparizione è avvolta nel mistero. Un assis ideale per sviluppare una trama ben congegnata dove nulla è quel che sembra e ogni volto o circostanza finiscono per  assumere profili inaspettati in un crescendo di tensione.

Premio speciale migliore caratterizzazione di genere (4 – ex aequo)
Tequila Suicide – Diandra Elettra Moscogiuri

premiospecialemigliorecaratterizzazioedigenere_03

Un romanzo di formazione dove i sentimenti e le relazioni umane si intrecciano creando motivi nuovi di riflessione. Le incertezze, i timori giovanili, la fragilità umana in un contesto sociale e affettivo compromesso, rendono verosimile il piombare nel baratro della droga del protagonista in un momento di forte stress emotivo. Un orizzonte che si rischiara grazie al valore positivo dell’amicizia e della comprensione.

Premio speciale migliore caratterizzazione di genere (4 – ex aequo)
Una questione di principio – Michele Navarra

premiospecialemigliorecaratterizzazioedigenere_04

Un legal thriller che cattura il lettore sotto diversi punti di vista. Da un lato per la trama godibile e affilata. Dall’altro per la facilità con cui l’autore descrive le pedine in gioco, dal killer all’avvocato penalista, dall’accusato all’ufficiale dei carabinieri fino alla vittima stessa. Infine per la competenza con cui la telecamera penetra nelle aule dei tribunali come pure nei meandri del processo penale. In sottofondo, scorci di una Roma onnipresente che sussurra a tratti in dialetto permettendo all’autore di modulare sapientemente la tensione drammatica fino a trasformarla in ironia. Una storia avvincente e coerente resa in uno stile brillante che sostiene il narrato dalla prima all’ultima pagina.

Menzioni d’onore (3 – ex aequo)
All’ombra del suo corpo – Marco Minicangeli

premiospecialemenzionedonore_01

Nel sottobosco di una Roma a pochi giorni dal Natale, in “All’ombra del suo corpo” Marco Minicangeli delinea una storia surreale intrisa di una palpabile atmosfera decadente. Il protagonista, in bilico tra il bene e il male, si dibatte all’interno di un tessuto sociale dominato dalla microcriminalità della metropoli all’insegna di una lotta quotidiana per la sopravvivenza che traccia una storia dai ritmi serrati.

 Menzioni d’onore (3 – ex aequo)
Senza più paura – Roberto Fancello

premiospecialemenzionedonore_02

Roberto Fancellu in Senza più paura, definisce un contesto caratterizzato da un intrigante mix tra i misteri della psiche umana e quelli della storia personale del protagonista. In sospeso tra presente e passato, tra incubi onirici e il persistente dramma dell’alcolismo, il romanzo si sviluppa avvalendosi di un buon approfondimento psicologico sullo sfondo di una Firenze incantata.

Menzioni d’onore (3 – ex aequo)
Sotto la sabbia – Luca Masini

premiospecialemenzionedonore_03

Un percorso della memoria che traccia un affresco morbido e avvolgente del passato del protagonista. Cose e persone si mescolano nella ricostruzione di un’infanzia costellata di vividi ritratti familiari che confluiscono nel presente in divenire. L’evocazione si trasforma in parte integrante della quotidianità a indicare come ognuno sia il punto di arrivo e di partenza di un tempo che è stato e di rapporti personali e collettivi indelebili.

Premio Amarganta II edizione Finalisti: annuncio dei 3 vincitori 24 novembre 2016

Codice Sorgente – Eva Serena Parevan
Il fruscio dell’essenziale – Ceccarelli Liviana
La collina dei girasoli – Lorena Marcelli
Sangue alieno – Monica Serra
Solo la verità – Michele Navarra