Premio Letterario Amarganta Edizione IV

Torna il  Premio letterario Amarganta ormai alla quarta edizione. Una kermesse incentrata sull’originalità e la qualità di opere letterarie in formato ebook, con sfondo la deliziosa città di Rieti sede dell’associazione Amarganta. Un’occasione unica per assaporare narrativa italiana in una provincia immersa in un incredibile scenario naturale e ricca di storia, arte, cultura nelle più varie declinazioni.

Di seguito il bando

Premio Letterario Amarganta
IV Edizione

Scadenza invio opere e pagamento iscrizione: 16 settembre 2018

Art. 1 – Il Premio Letterario Amarganta nasce per sostenere e promuovere le opere edite in digitale, dando visibilità alle stesse e ai suoi autori.

Il premio è rivolto ai testi di narrativa, pubblicati in versione digitale (qualunque formato e qualsiasi anno di pubblicazione, anche se di essi esiste una pubblicazione cartacea), pubblicati da una casa editrice o in self.

Art. 2 – Al Premio possono partecipare scrittori di tutte le nazionalità purché maggiorenni e le opere iscritte siano in lingua italiana.

Art. 3Come partecipare. Occorre inviare una copia digitale del testo con allegata nota di presentazione dell’opera e biografia dell’autore con indirizzo, numero telefonico, codice fiscale, e-mail, all’indirizzo e-mail premioAmarganta@amarganta.eu entro il 16 settembre 2018 (farà fede la data del server del provider). La mail di ritorno erogata dal server attesta l’avvenuta ricezione del testo e sarà convalidata da un’ulteriore email dell’Associazione.

Art. 4 – Consistenza del premio:

Primi tre classificati.

Targa di merito.

I tre vincitori devono assicurare la presenza alla cerimonia di premiazione prevista a Rieti tra la fine di novembre 2018 e la prima quindicina di dicembre 2018. I vincitori e la data precisa della premiazione verranno resi noti tramite email e pubblicazione sul sito www.amarganta.eu, sezione Premio Letterario Amarganta entro il 18 novembre 2018.  In caso di assenza del primo e/o del secondo classificato, si avrà un avanzamento in graduatoria del secondo e/o del terzo classificato.
Nel caso di opera scritta da più autori, è sufficiente la presenza alla cerimonia di premiazione di uno solo dei coautori.

Art. 5 – Il giudizio della Giuria è insindacabile. I rappresentati della giuria sono elencati nella sezione dedicata al premio del sito www.amarganta.eu.

Art. 6 – La quota di iscrizione è fissata in 5,00 euro per ebook da pagare tramite bonifico: IT83X0200814606000103971348 – AMARGANTA ASSOCIAZIONE , Unicredit Agenzia Rieti, Piazza Battisti Cesare 7 – 02100 Rieti (RI). Gli autori possono partecipare con più opere, non verranno ammesse opere pubblicate dall’associazione Amarganta. L’associazione Amarganta notificherà all’autore tramite email l’iscrizione dell’opera o delle opere.

Art. 7 – La partecipazione al Premio Letterario Amarganta implica l’accettazione incondizionata del presente regolamento.

ART. 8 – Tutela dei dati personali. In relazione a quanto sancito dal D.L. 30 giugno 2003 n° 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, si dichiara quanto segue.
Ai sensi dell’ART. 7-11-13-25: il trattamento dei dati personali dei partecipanti, fatti salvi i diritti di cui all’Art.7, è finalizzato unicamente alla gestione del premio. Tali dati non saranno comunicati o diffusi a terzi a qualsiasi titolo.

Ai sensi dell’ART. 23: con l’invio degli elaborati con i quali si partecipa al concorso copiare nella mail il consenso scritto espresso dall’interessato al trattamento dei dati personali che segue:

Consenso al trattamento dei dati

Consapevole che le informazioni da me fornite sono facoltative ma necessarie per la partecipazione al Premio Letterario Amarganta, che il trattamento è finalizzato allo svolgimento delle attività legate al Premio, che i dati saranno trattati nei principi della correttezza, liceità e trasparenza, esprimo il mio libero consenso al trattamento dei dati personali e sensibili da parte dell’Associazione Amarganta ai sensi dell’’art. 13 del D.lgs. 196/2003 e successive modifiche per tutte le operazioni previste nella citata Legge. Il trattamento dei dati personali potrà essere effettuato anche per finalità statistiche e d’informazione sull’attività dell’Associazione Amarganta.

Per informazioni
Segreteria Premio Letterario Amarganta

premioamarganta@amarganta.eu

Scarica il bando:
premioLetterarioAmarganta_Bando_0Gennaio2018

 

 

Annunci

Volevo farmi Papa o cantante mi sono ritrovato allo Zecchino d’Oro – Francesco Rinaldi

La biografia di Francesco Rinaldi non riguarda solo Francesco Rinaldi. Nel libro troviamo le tappe fondamentali del percorso umano e artistico di un personaggio eclettico, autore poliedrico di parole scritte, cantate  e recitate, compositore e cantautore, ma non solo. Il percorso di Rinaldi si snoda all’interno di un grande affresco che offre molteplici spunti di interesse: società, politica, usi e costumi del nostro Paese in generale, di Rieti e dintorni in particolare, nell’arco degli ultimi 6 decenni. Nel narrato affiorano nitidi i motivi fondamentali degli anni di formazione di Rinaldi, anni delle grandi contrapposizioni ideologiche, delle lotte di classe, dominati da una ferrea morale cattolica, monopolizzati dai palinsesti political correct della RAI, contornati da accadimenti rilevanti. Personaggi noti della tivvù e della radio, della politica, della cultura e della musica, affiorano in un tragitto definito dalla ferrea volontà di un ragazzino timido di arrivare al successo nonostante la consapevole galoppante timidezza e le umili origini. Band e complessi, ma anche voci singole e corali, fanno da contraltare a un’evoluzione psicologica e interiore che definisce un percorso umano brillante, racchiuso da una rara quanto genuina modestia. In lontananza, si intravede a volte la figura di Luci Battisti e si percepisce la grande stima di Rinaldi verso di essa come pure il bisogno e l’impegno di affrancarsene a dispetto della parentela e dell’affinità melodica.

 

Pag:
Su Amazon: qui

 

 

 

 

 

 

Prima di affacciarsi al mondo dello spettacolo, Francesco Rinaldi ha svolto diversi lavori, dall’operaio all’operatore scolastico; autore-compositore per l’infanzia, conta tre vittorie allo Zecchino d’Oro, alcune canzoni-sigla per Raiuno favole radiofoniche per Radiounorai e alcune pubblicazioni di musical per le Edizioni Paoline; per il Teatro Ragazzi, come autore, attore e regista, in venti anni di attività ha realizzato tournée sia in Italia che all’estero; ha svolto attività di volontariato presso il Centro di Cantalice per un progetto di sperimentazione teatrale per malati di Alzheimer e attualmente svolge attività di volontariato presso il Carcere Circondariale di Rieti come operatore teatrale per detenuti; come commediografo in dialetto predilige i grandi vissuti del Novecento reatino. Ha scritto, diretto e rappresentato molte commedie: Lo succaru dé li rapari, Lo bbonu e la puzza dé la ‘ìscosa, Li lalianti, So bbenuti l’americani, Brutti gnefri e capelluni, ’A famija dé ‘na ‘orde e Quanno sfamessimo lu munnu. I testi delle opere teatrali, assieme a interviste e approfondimenti culturali e storici, sono in via di pubblicazione da Amarganta. Del 2017 il saggio I Comunalesi, scritto con Domenico Miluzzo.

 

 

 

Chicchi di grano – Ed. I: Cantare con i bambini non è mai stato così bello

L’associazione culturale Amarganta è lieta di presentare la prima edizione di Chicchi di grano che si terrà martedì 19 dicembre, alle ore 17.00, presso il Teatro Flavio Vespasiano di Rieti.  Si tratta di un’esperienza di canto corale con protagonisti 150 alunni afferenti ad alcune scuole primarie di Rieti e provincia. Il progetto, coadiuvato dagli istituti coinvolti, in stretta collaborazione con il corpo insegnante, è finalizzato  alla creazione di uno spazio di confronto e dialogo culturale teso a sviluppare la consapevolezza del lavoro di gruppo, del legame di amicizia e di solidarietà. Il ricavato dello spettacolo sarà devoluto in beneficienza. Le canzoni eseguite, scritte da Francesco Rinaldi, direttore artistico della rappresentazione, sono tratte dall’album Hanno ragione i bambini, edito dalle Edizioni Paoline e patrocinato dall’Unicef. A conclusione, le scolaresche unite canteranno  Cane e gatto, vincitrice di un’edizione dello Zecchino d’oro a firma di Rinaldi stesso.
Con la partecipazine e la collaborazione della Asd Dance Project diretta da Giorgia Gabriele

Presentatrice Perla Tozzi

 

Programma

Balletto degli allievi Asd Dance Project diretta da Giorgia Gabriele

Esecuzione dei brani Girotondo colorato e Difetti Perfetti: allievi Piazza Tevere, istituto comprensivo Giovanni Pascoli.

Esecuzione dei brani Cuccioli tristi e C’era una casetta: allievi Casali di Poggio Nativo,

istituto comprensivo Ferruccio Ulivi.

Esecuzione dei brani La scugnizza sul triciclo e Un pensiero per te: allievi G.P. Cislaghi, istituto comprensivo Marconi-Sacchetti.

Presentazione della biografia Volevo farmi papa o cantante, mi sono ritrovato allo Zecchino d’Oro di Francesco Rinaldi. Relatore Guido Cavalleri, attore, doppiatore, autore e conduttore televisivo.

Esecuzione dei brani Il trenino della pace e La marcia dei diritti: allievi G. Marconi, istituto comprensivo Marconi-Sacchetti.

Esecuzione corale di Cane e gatto.

Saggio degli allievi Asd Dance Project diretta da Giorgia Gabriele

Le esecuzioni saranno intervallate da rapide passerelle di personaggi reatini impegnati a vario titolo sul fronte della difesa del mondo dell’infanzia.

 

 

http://www.rietilife.com/2017/12/20/chicchi-grano-emozionano-flavio-150-bambini-cantano-diritti-dellinfanzia-rinaldi/

 

Estro & Verso – Germano Piroli

Una raccolta in dialetto romanesco ispirata dalla memoria e dalla pratica del vivere. Forte il richiamo ai versi pasquineschi lì dove il tema si muta in una riflessione dei modi e dei costumi contemporanei, trasformando lo scorcio cittadino in una testimonianza che oltrepassa i confini della capitale e quelli del Bel Paese. Agevolato dall’esercizio di una sottile ironia e da una forte padronanza del lessico, il Piroli cavalca il comune senso del sentire trasformando con efficacia i quadretti sociali in una graffiante visione dell’attualità e impreziosendo i cammei familiari con una vivace affettuosità.

 

 

 

 

Poesie in romanesco

112 Pagine

Cartaceo

su Amazon: qui

 

 

 

Germano Piroli nasce a Roma 46anni fa, nel popolare quartiere del Trullo. Sposato con Arianna, 2 figli, laureato in Ingegneria Informatica ed impiegato presso una nota azienda di Telecomunicazioni.

Ex giocatore ed istruttore di Pallacanestro per il San Raffaele Basket, storica società del suo quartiere, altra sua grande passione assieme alla poesia, cura da qualche anno una pagina Facebook, Il Rimator Cestistico, dove coniuga appunto Basket e rime, descrivendo in ottave da par suo giocatori e allenatori di quello che ritiene lo sport più bello del Mondo.
Ha all’attivo due raccolte:Corbellerime, 2015, edito da Arduino Sacco
Rime Cestistiche, 2017, edito da Basketnetcoach
Questa è la sua terza raccolta.

 

 

 

Maestra, lo sai che… – Giorgia Gabriele

 L’idea di questo progetto letterario nasce dalla mia esperienza, acquisita attraverso un lavoro ventennale, a contatto con bambini e ragazzi.

In particolare i corsi di “Avvio alla danza”, rivolti a bambini dai 3 ai 5 anni, regalano grandi soddisfazioni e momenti molto divertenti. Con questo tipo di corso i bambini vengono introdotti a giochi che educano e sciolgono il corpo, lo plasmano e lo organizzano nel movimento e nella psiche. Corpo, voce, immaginazione, musica e spazio diventano il mezzo per esplorare le attitudini artistiche e creative del bambino.

Il momento della lezione di danza diventa un bel rapporto di scambio. Io come insegnante, mi trovo a giocare con loro, a farmi trascinare dalla loro immaginazione e a viverla insieme. Riescono a farmi tornare bambina: a quando non si capiva come andava il mondo, a quando tutto era meraviglioso e scontato, a quando si sorrideva e non si conosceva la cattiveria, a quando ci si sentiva forti e protetti e dopo un litigio si faceva subito dopo pace con il mignolino, a quando l’orgoglio non sapevamo neanche cosa fosse.

Maestra, lo sai che… è una delle loro frasi preferite perché vogliono sempre che io sappia qualcosa del loro mondo. Io insegno loro la danza è vero, ma loro fanno molto di più: mi insegnano a non perdere mai la spontaneità, il sorriso e l’entusiasmo per andare avanti.

Ebook, Cartaceo
Pag:134
Full color

  Cartaceo su Amazon: qui

 

Si avvicina alla danza nel 1992. Danzatrice poliedrica, dal 1996 diventa assistente coreografa e collaboratrice di Silvio Oddi seguendolo in tutta Italia e poi a Monte Carlo fino al 1999. Vincitrice nel 2006 del Premio Internazionale per la danza “Franca Bartolomei” ha all’attivo due partecipazioni al “Mondiale Hip Hop International” di Los Angeles e quattro alla “Dance Wolrd Cup – Coppa del mondo” riportando due medaglie d’oro nella categoria Modern-contemporaneo. Vincitrice assoluta di ben quattro edizioni della “Vetrina coreografica Città di Olbia”, grazie ai successi raggiunti, numerosi suoi allievi sono stati selezionati nelle migliori accademie nazionali per proseguire nella formazione professionale. Vincitrice “Premio Miglior Insegnante” all’interno della XVII Vetrina Coreografica “Città di Olbia” nel luglio 2016.

Dal 2014 si dedica alla passione della scrittura ottenendo diversi risultati quali:

1° premio con “Il Natale di Marisa”

Va in scena lo scrittore – Sezione Racconti

Premio Speciale Stampa con “Lo scambio” (con lo pseudonimo Roberta Rossi)

Premio Internazionale Letterario e letterario “Stellina” 4° edizione – Sezione Narrativa

Menzione Speciale con “Il Natale di Marisa”

Premio Letterario Internazionale “Corona” – Sezione Racconto Inedito

Menzione d’onore Amarganta

Premio “Found Poetry” Metodo Caviardage di Tina Festa (Gocce di speranza volume II)

Per Amarganta: Maestra, lo sai che…