Piano di riserva – Pietro Marmo

Pannuti, un paese tranquillo e agiato del sud, dove i giovani si annoiano e i vecchi raccontano, all’infinito, le memorie di un mondo scomparso. Daniela, una bella ragazza, muore in un incidente stradale e qualche giorno dopo Francesco, il fidanzato, indirettamente colpevole, viene visto allontanarsi in auto, di notte. Presto si scopre che il cimitero locale è stato profanato e che la tomba di Daniela presenta evidenti segni di manomissione. Tra i pettegolezzi della gente e le torbide ricostruzioni dei media, Natalino Pasquale, giovane carabiniere nato a Pannuti, cerca di venire a capo degli eventi. Immerso nei ricordi dell’infanzia, tra un viaggio e l’altro verso Genova dove vive con la moglie, muovendosi tra i meandri di un’umanità variegata, Natalino colleziona ipotesi e suggerimenti fino ad arrivare a un’imprevedibile verità che, a esaminarla meglio, non è nient’altro che un piano di riserva.

 

 

Cartaceo

Ebook
http://www.amarganta.eu/narrativa/piano-di-riserva/

 

Pietro Marmo nasce a Polla (SA) nel 1968. Laureato a Napoli in Ingegneria Elettronica, lavora da vent’anni nel campo della sicurezza ferroviaria. Come ingegnere ha presentato una ventina di articoli scientifici in conferenze internazionali ed è presidente di un comitato europeo di standardizzazione. Come scrittore ha tenuto per più di tre anni una rubrica settimanale “Il racconto della domenica” sul sito Giornalettismo.com pubblicando più di 150 racconti. Maratoneta, si muove generalmente in bici a Roma, dove vive insieme alla moglie e a una figlia, e a Napoli, Milano,  Parigi e Bruxelles dove si reca spesso per lavoro.

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...